MUSEO TORINO


LE STATUE IN BRONZO DEL TEATRO

Statua di togato seduto con testa non pertinente. Roma, Musei Capitolini, Galleria. Foto Archivio Fotografico dei Musei Capitolini
Durante gli scavi di inizio Novecento, che hanno messo in luce le strutture del teatro romano, sono stati trovati un frammento di panneggio, un piede maschile e un orecchio, ora perduto, appartenenti a una o più statue bronzee di dimensioni pari al vero, che decoravano originariamente l’edificio.
Il piede indossa una calzare (calceus) dotato di due stringhe che si incrociano alla caviglia. Questo tipo di calzatura, non impiegato per le statue di divinità, indica l’appartenenza alla statua-ritratto di un personaggio di rilievo, che indossava probabilmente la toga. Sotto la suola, all’altezza delle dita, è praticato un foro per l’ancoraggio della scultura alla sua base. Il tallone sollevato, la gamba inclinata in avanti e verso l’esterno, non portante, potrebbero suggerire che la statua rappresentasse una figura seduta.
I teatri romani avevano spesso una ricca decorazione statuaria che poteva trovare posto sia nel frontescena, sia nelle strutture della cavea. Gli esemplari in bronzo, in particolare, raffigurano preferibilmente statue onorarie, come documenta la ricca serie di statue giulio-claudie che ornava la summa cavea del teatro di Ercolano.




PULSANTE INDIETRO